Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

faq visa

 

faq visa

 

DOMANDE FREQUENTI

Benvenuto nella sezione FAQ (frequently asked questions) che raccoglie per tipologia  le richieste di informazioni piu’ frequenti in materia di visti.
Qualora non siano disponibili le informazioni desiderate, si prega di inviare la propria richiesta all’indirizzo di posta elettronica visa.ambbang@esteri.it

Generali
Visti per Affari
Visti per lavoro subordinato
Visti per studio
Visti per turismo
Visti per reingresso



Generali

Dove devo richiedere il visto?

• Il visto deve essere richiesto presso le Rappresentanze diplomatiche italiane all’estero competenti per le aree in cui risiede il richiedente. Di norma si definisce la residenza come il luogo in cui una persona dimora e lavora. I cittadini stranieri che vivono in Thailandia devono dimostrare di essere in possesso di un visto di lunga durata (NON IMMIGRANT VISA) e del Permesso di Lavoro. Ai fini della residenza l’Ambasciata si riserva di richiedere documentazione aggiuntiva (contratto di lavoro, proprieta’ d’immobili).

Sto organizzando un viaggio turistico in diversi Paesi Schengen. Dove devo chiedere il visto?

• Lo  Stato membro competente per l’esame di una domanda di visto Schengen e per la decisone sul merito e’ lo Stato il cui territorio costituisce l’unica destinazione del viaggio o dei viaggi.

Se il viaggio comprende piu’ di una destinazione, lo Stato membro il cui territorio costituisce la destinazione principale dei viaggi in termini di durata e di finalita’ del soggiorno.

Qualora non possa essere determinata la destinazione principale, lo Stato membro competete e’ quello del primo ingresso.

Sono un cittadino straniero che risiede in Thailandia. Posso fare richiesta di visto di breve durata in Thailandia invece di ritornare nel mio paese d’origine?

• Si attraverso l’esibizione del permesso di residenza Tailandese o il permesso di lavoro. Ai fini dell’accertamento della residenza l’Ambasciata si riserva di richiedere documentazione aggiuntiva (contratto di lavoro, proprieta’ d’immobili).

Ho gia’ un visto multiplo Schengen la cui scadenza e’ imminente. Posso presentarmi in anticipo per la richiesta di un nuovo visto?

• SI, ma il nuovo visto potra’ avere validita’ solo dalla data di scadenza del visto precedente.

Il mio visto Schengen e’ valido 6 mesi. Quanto posso restare nell’area Schengen?

• Con un visto valido 6 mesi a ingressi multipli puo’ rimanere nello Spazio Schengen non oltre la scadenza del periodo concesso e comunque per non piu’ di 90 giorni fruibili nell’arco di 180 giorni.

Quale e’ il termine di validita’ del mio visto?

• Sul visto figurano due importanti riferimenti: data di scadenza del visto (e.g. 17 nov. 2008) e la durata del soggiorno espressa in giorni. (e.g. 10 gg.).  Il richiedente deve lasciare lo Spazio Schengen entro la data di scadenza del visto assicurandosi di non aver soggiornato per un numero di giorni superiore a quello indicato.

Posso presentarmi all’intervista con familiari ed amici?

• La sala d’attesa dell’Ufficio Visti non e’ sufficientemente capiente per accogliere familiari e amici del richiedente. Pertanto La invitiamo a presentarsi da solo all’intervista. Sono esclusi da tale restrizione i richiedenti minorenni, le persone di eta’ superiore ai 65 anni e il garante. 

Quanto tempo prima della partenza posso richiedere il visto?

• Non prima di tre mesi. Se decide di partire a settembre non puo’ richiedere il visto prima di giugno. Si consiglia di richiedere il visto almeno 3 settimane prima della partenza.

Posso inviare la documentazione tramite EMS?

• Non e’ possibile ne’ all’Ufficio Visti ne’ al “Joint Visa Applicatin Center”  accettare domande di visto presentate via corriere.il JVAC fornisce un servizio a pagamento per la riconsegna del documento a domicilio tramite corriere.

Devo rivolgermi ad un’agenzia di viaggio o ad un consulente per aiutarmi nella richiesta di visto?

• No. Non e’ necessario dato che il JVAC e’ in grado di assisterLa in tutte le procedure inerenti il visto. Diffidare di coloro che promettono facilitazioni per ottenere il visto. Nessuno puo’ garantire il rilascio del visto. Moduli e informazioni su visti sono disponibili ai seguenti siti: Ambasciata d'Italia a Bangkok  e VFS Italy

Ho sentito dire che e’ meglio dichiarare di andare per affari piuttosto che per turismo o per visita ai parenti. E’ vero?

• No. I Problemi sorgono piuttosto quando il richiedente intenzionalmente decide di fuorviare il funzionario durante l’intervista. In tal caso sara’ difficile ritenere veritiero quanto da egli dichiarato su altri elementi che vanno valutati ai fini del rilascio del visto.

Sono tenuto a dichiarare di avere parenti in Italia, di avere in corso una richiesta di visto a lunga durata o di aver ottenuto dei rifiuti in precedenza? Quali sono le conseguenze per i richiedenti che non dichiarano o falsificano informazioni o documenti?

• I rischi sono seri. Sono soggette a rifiuto le richieste di coloro che forniscono informazioni non veritiere. Si rammenta che saranno eseguiti ulteriori controlli per verificare la veridicita’ delle informazioni fornite. Chi fornisce documentazione falsa verra’ denunciato alle Autorita’ italiane.


Back to top


 



Visti per affari

 


Mi reco spesso in Italia per affari e vorrei richiedere un visto multiplo di un anno. Devo acquistare un’assicurazione valida un anno?

• E’ consigliabile stipulare un’assicurazione valida un anno dato che l’assicurazione e’ obbligatoria per ogni viaggio.

La ditta italiana s’impegna a fornirmi la copertura assicurativa per tutto il mio soggiorno in Italia. Devo produrre un’ulteriore assicurazione Thailandese?

L’impegno di copertura sanitaria da parte dell’azienda invitante non e’ sufficiente. Qualora la ditta italiana avesse acceso una polizza in Italia essa andra’ allegata alla documentazione. Altrimenti sara’ necessaria una copertura assicurativa acquistata  in Thailandia.

L’invito della societa’ italiana e’ di 10 giorni. Mi reco poi a Praga per una conferenza di 3 giorni. Posso ottenere un visto Schengen la cui durata copra entrambe le visite in Italia e in Repubblica Ceca?

• SI, e’ necessaria, tuttavia, la lettera di invito dalla Repubblica Ceca oppure una dichiarazione della ditta italiana in cui venga specificato che il richiedente proseguira’ il viaggio in Repubblica Ceca, la motivazione del viaggio e la struttura alberghiera in cui alloggera’.

Vado in Italia per un training di 10 giorni presso una societa’ di Milano. Prima di tornare in Thailandia vorrei recarmi 3 giorni a Vienna per turismo. Devo richiedere un visto per affari o per turismo?

• Puo’ richiedere un visto per affari. Tuttavia, deve produrre adeguati mezzi finanziari e relativa prenotazione alberghiera a Vienna.

Back to top

 





Visti per lavoro subordinato

 


Come mi devo attivare per la richiesta del rilascio dell’Autorizzazione al Lavoro in Italia?

• La richiesta deve essere inoltrata esclusivamente dal datore di lavoro italiano o straniero allo Sportello Unico per l’Immigrazione competente.



Back to top

 


 


Visti per studio

Voglio iscriversi ad una Universita’ italiana. Dove posso trovare informazioni? Quali documenti devo presentare per il visto? Quale sara’ la sua validita?

• Sul sito Study in Italy sono disponibili tutte le informazioni per iscriversi ai corsi offerti dalle Università italiane. La richiesta del visto e’ il momento finale della procedura di preiscrizione. Il visto rilasciato ha una validita’ convenzionale al 31 gennaio dell’anno successivo a quello di immatricolazione e il permesso di soggiorno verra’ opportunamente prolungato dalla Questura competente al superamento delle prove accademiche prescritte.

Ho una borsa di studio che copre le tasse universitarie, le spese di vitto e alloggio per tutto il periodo in Italia. Devo presentare ulteriori mezzi finanziari

• Soltanto se la borsa di studio non copre l’ammontare previsto dalla direttiva del Ministero dell’Interno del 2000 relativa ai mezzi economici di sostentamento.



Back to top





Visti per turismo


Ho gia’ utilizzato diversi visti Schengen per affari. Ora vorrei recarmi in Italia per turismo per un lungo periodo. Posso ottenere un visto multiplo di 6 mesi?

• Il visto turistico si rilascia di norma per brevi periodi e sulla base della documentazione fornita dal richiedente.

Vorrei andare a visitare un parente che risiede in Italia. Per richiedere il visto, e’ sufficiente che dimostri di possedere i mezzi finanziari? 

• Qualora la posizione economica del richiedente sia solida o abbia viaggiato nell’Unione Europea nel recente passato, la dimostrazione di mezzi finanziari personali e’ sufficiente. Nel caso non ci si trovi in tali condizioni, si  consiglia all’invitante di accendere una fidejussione bancaria in favore del richiedente. All’atto della domanda di visto, deve essere esibita la copia originale della fidejussione. Qualora il richiedente ne sia in possesso, non dovra’ dimostrare il possesso di altri mezzi finanziari.

Di quanto dev’essere l’importo della fidejussione bancaria?

• E’ stabilito da una direttiva del Ministero dell’Interno che e’ diramata a tutte le banche operanti in Italia.

Sono un cittadino italiano iscritto all’A.I.R.E. e residente in Thailandia. Convivo da 3 anni con una cittadina tailandese che vorrei invitare in Italia per un breve periodo. Quale visto devo richiedere?

• Puo’ richiedere soltanto un visto turistico.

Studio all’Universita’ di Madrid da 6 mesi ed ho un regolare permesso di soggiorno rilasciato dalle Autorita’ spagnole. Vorrei andare in Italia per turismo per circa 2 settimane. Quali documenti devo preparare?

• Nessuno. Essendo residente e titolare di un permesso di soggiorno in uno Stato Schengen, e’ esente dall’obbligo di visto.


Back to top


Visti per reigresso


Sono titolare di un regolare permesso di soggiorno in Italia in corso di validita’.  Se vado in Thailandia per un breve periodo e intendo rientrare in Italia, devo richiedere un visto di reingresso per l’Italia?

• NO. Se il suo permesso di soggiorno e’ in corso di validita’, non e’ necessario richiedere il visto di reingresso in Italia. Sara’ sufficiente esibire al controllo di frontiera il passaporto ed il permesso di soggiorno.

Ho fatto domanda, tramite Poste Italiane, di rilascio del permesso di soggiorno e non l’ho ancora ottenuto. Sono nel frattempo tornato in Thailandia. Cosa devo fare per rientrare in Italia?

• Potra’ fare ritorno in Italia senza un nuovo visto d’ingresso a condizione che:

 il permesso di soggiorno sia stato richiesto per lavoro subordinato o ricongiungimento familiare;;
 il viaggio non preveda il transito in altri Paesi Schengen;
 esibisca alla frontiera il passaporto, il visto di ingresso dal quale desumere i motivi del soggiorno o il permesso di soggiorno scaduto e la ricevuta di Poste Italiane Spa timbrata dalla Polizia di Frontiera all’atto dell’uscita dall’Italia
 Si rechi in Ambasciata (Ufficio Visti)per ottenere una lettera per da esibire alle autorita’ di immigrazione tailandesi alm omento fella partenza.

Ho fatto domanda, tramite Poste Italiane, di rinnovo del permesso di soggiorno e non l’ho ancora ottenuto. Sono nel frattempo tornato in Thailandia. Cosa devo fare per rientrare in Italia?

• Potra’ fare ritorno in Italia senza un nuovo visto d’ingresso a condizione che:

1. il viaggio non preveda il transito in altri Paesi Schengen;
2. esibisca alla frontiera il passaporto e il visto di ingresso dal quale desumere i motivi del soggiorno, nonche’ le ricevute postali di richiesta di rinnovo, debitamente timbrate dalla Polizia di Frontiera all’atto dell’uscita dall’Italia;
3. Si rechi in Ambasciata (Ufficio Visti)per ottenere una lettera per da esibire alle autorita’ di immigrazione thailandesi al momento della partenza.

Il mio permesso di soggiorno rilasciato per lavoro subordinato e’ scaduto qualche giorno fa, dopo il mio temporaneo ritorno in Thailandia. Tra due settimane devo tornare in Italia per riprendere il lavoro. Posso richiedere un visto di reingresso?

• SI’.

In Thailandia ho perso il mio permesso di soggiorno per l’Italia. Cosa devo fare?

• Deve presentare domanda di visto per reingresso presso la rappresentanza in Thailandia  corredato di verbale di smarrimento/furto rilasciato dalla polizia locale e legalizzato dal Ministero degli affari Esteri Thailandese.



Back to top

 

 


105