Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Servizi consolari

 

Servizi consolari

 

Traduzione dei documenti

Per la traduzione dei documenti thailandesi in lingua italiana è possibile fare riferimento all’elenco delle Agenzie di traduzionedisponibile a questo link.
Tale elenco non è esaustivo delle Agenzie di traduzione che esercitano la professione in Thailandia, né va inteso come vincolante.
Qualora le traduzioni presentino significativi errori non sanabili dall’Ufficio consolare in fase di controllo, non potrà essere rilasciata l’attestazione di conformità del documento tradotto.

Legalizzazione dei documenti

Prima di essere presentati all'Ufficio consolare per l’asseverazione/legalizzazione, i documenti rilasciati dalle autorità della Thailandia (es. Ufficiale di Stato Civile, Comuni, Ministeri, Polizia, Tribunali, etc.) devono previamente essere essere legalizzati dal Ministero Affari Esteri Thailandese. I documenti rilasciati dalle autorità della Cambogia e del Laos devono essere preventivamente legalizzati presso i rispettivi Ministeri degli Affari Esteri. Gli atti e i documenti rilasciati dalle autorità della Thailandia possono essere legalizzati presso i seguenti Uffici di Bangkok e Chiang Mai:

Bangkok
Legalization Division Department of Consular Affairs
Ministry of Foreign Affairs
123 Chaeng Wattana Road, 3rd Floor
Tung Song Hong, Laksi, Bangkok 10210
Tel.: 02-575-1058 / 02-575-1059 / 02-575-1060
Orari: 08.30 - 14.30 hrs. (Chiuso Sabato, Domenica e festivi);
Email: consular04@mfa.go.th

 

Bangkok

Legalization Office of the Ministry of Foreign Affairs

Luogo: stazione MRT Khlong Toei

Le informazioni su orari di apertura, costi e procedura sono disponibili a questo link

 

Chiang Mai
Legalization Division
Department of Consular Affairs
Chiang Mai Provincial Hall Building
Chotana Road, T.Chang Puek
A. Muang, Chiang Mai 50000
Tel.: 053-112748, 053-112749, 053-112750

 

Forme di Pagamento delle tariffe consolari

Si informa che l’Ufficio Consolare, per garantire l'ordine e la correttezza della gestione contabile, non riceve per corrispondenza il pagamento in contanti delle tariffe consolari per i servizi che vengono erogati ai connazionali. L’Ufficio Consolare accetta pagamenti in contanti solamente allo sportello.

 

Servizi Consolari

Con l'eccezione dei casi di particolare urgenza (come ad esempio la necessità di rimpatriare e il furto/smarrimento del passaporto) e delle certificazioni di esistenza in vita ad uso pensione, per poter accedere ai servizi consolari è necessario fissare un appuntamento online (vd. link in home page). Gli appuntamenti sono disponibili per la prenotazione con visibilità fino a 30 giorni dopo. L'appuntamento è GRATUITO, personale e non può essere ceduto o scambiato, pena cancellazione.
Di seguito il link alla sezione dedicata ai servizi consolari sul sito istituzionale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale:
http://www.esteri.it/MAE/IT/Italiani_nel_Mondo/ServiziConsolari/
La tabella delle tariffe consolari è disponibile cliccando su questo link. I servizi consolari sono erogati secondo principi di eguaglianza, imparzialità, efficienza e trasparenza.

Posta elettronica

Si ricorda ai connazionali che è possibile fare il più ampio uso della posta ordinaria e della posta elettronica,al fine di non doversi recare presso la Cancelleria Consolare a Bangkok.
Si prega di controllare attentamente, prima di trasmettere messaggi via email contenenti richieste o domande, le informazioni pubblicate nella sezione di interesse dei Servizi Consolari.
Le email contenenti domande la cui risposta è già indicata nel sito non riceveranno risposta.
Si segnala l’importanza di comunicare il proprio indirizzo e-mail e le sue eventuali modifiche all’Ufficio consolare, così da poter ricevere per posta elettronica tutte le informazioni, le notizie e gli avvisi indirizzati ai residenti.
Gli indirizzi di posta elettronica comunicati dai cittadini sono utilizzati dagli Uffici diplomatico-consolari nel rispetto della normativa sul trattamento dei dati personali, per fini esclusivamente d'ufficio.

Carte di identità, patenti e Certificati penali

L’Ufficio consolare non è abilitato al rilascio/rinnovo di patenti internazionali e di patenti nautiche.
Per la procedura di rinnovo della patente di guida italiana si prega di consultare l’apposita sezione del sito.
L’Ufficio consolare non è abilitato al rilascio delle carte di identità.
L’Ufficio consolare non è abilitato al rilascio dei Certificati Penali del Casellario Giudiziale (di competenza di qualunque Procura della Repubblica indipendentemente dal luogo di nascita o residenza) né dei Certificati del Casellario dei Carichi Pendenti (di competenza della Procura della Repubblica del luogo di residenza dell'interessato – o del Comune AIRE in caso di residenza all'estero).
Si rammenta che per l'utilizzo all'estero tali certificati vanno legalizzati presso l'Ufficio competente della Procura. L’Ufficio consolare può apporre eventuali vidimazioni richieste dalle autoritá estere nonché, a richiesta e dietro pagamento della tariffa prevista, certificare la conformitá di eventuali traduzioni fornite a cura del richiedente.

Dichiarazioni sostitutive

Si comunica ai connazionali che a seguito dell’entrata in vigore della legge di stabilità (Art. 15 L. 183/2011) agli uffici pubblici è vietato rilasciare certificati da esibire ad altre pubbliche amministrazioni e a gestori di pubblici servizi (Art. 40 D.P.R. 445/2000).
Le certificazioni rilasciate dalla pubblica amministrazione in ordine a stati, qualità personali e fatti sono valide ed utilizzabili solo nei rapporti fra privati. Pertanto, qualora il certificato richiesto servisse per presentarlo ad altra pubblica amministrazione, si potrà compilare un modulo di dichiarazione sostitutiva di certificazione. Qualora invece servisse per un ente privato si prega di trasmettere la richiesta a consolare.bangkok@esteri.it al fine di stabilire un appuntamento per il ritiro ed il pagamento delle eventuali percezioni consolari.

Assistenza consolare

L’Ufficio consolare assicura a tutti i connazionali, residenti o in visita, la tutela e l’assistenza in caso di violazione dei loro diritti fondamentali e di limitazione o privazione della loro libertà personale. Viene assicurata altresì assistenza per i casi di emergenza,
per la ricerca di familiari, per le pratiche di successione aperte all'estero e per il rimpatrio delle salme.


Immigrazione in Thailandia

Per ogni quesito riguardante l'immigrazione in Thailandia (ad esempio sulle tipologie di visto, permessi di soggiorno, etc) è opportuno rivolgersi alle rappresentanze diplomatiche e consolari thailandesi in Italia.Per chi si trova già in Thailandia è possibile rivolgersi alle autorità di immigrazione al numero locale 02-143-0990/1, oppure il call center 1178. Il sito web dell'Immigration Bureau of Thailand è consultabile al seguente indirizzo: http://www.immigration.go.th/
La sede centrale degli uffici dell'immigrazione (Immigration Bureau Building B, Bangkok Government Center) si trova a Chaengwattana Road Soi 7, Tungsonghong Sub-District, Laksi District, Bangkok.

Cure mediche urgenti in Italia – autocertificazione dello status di emigrato

Si informa che i cittadini italiani residenti all'estero, titolari di pensione corrisposta da enti previdenziali italiani o aventi lo status di emigrato, hanno diritto ad accedere in Italia a prestazioni ospedaliere urgenti, a titolo gratuito e per un periodo massimo di novanta giorni nell'anno solare, qualora gli stessi non abbiano una copertura assicurativa, pubblica o privata, per le suddette prestazioni sanitarie.I cittadini italiani residenti all’estero possono dimostrare lo status di emigrato presentando una semplice autocertificazione alla competente ASL. Nell’autocertificazione il cittadino deve specificare:
A - di essere nato in Italia, di possedere la cittadinanza italiana, nonche' di risiedere all'estero, indicando il Comune di iscrizione AIRE.
oppure
B - di essere nato all'estero, di possedere la cittadinanza italiana, di aver risieduto in Italia, indicando il Comune di iscrizione all'Anagrafe della popolazione residente (ANPR), di risiedere attualmente all'estero ed essere quindi iscritto all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero (AIRE).
Quanto precede è stato confermato dal Ministero della Salute con Nota n. 2561del 13 aprile 2016. Lo status di emigrato e residente all’estero non deve pertanto più essere certificato dall'Ufficio consolare italiano competente per territorio.


13